Ciao Paola

Questa è senza alcun dubbio una grande famiglia. Una famiglia che abbiamo ereditato ormai molti anni fa. E quando l’abbiamo ereditata, con lei abbiamo ereditato te, noi, giovanissimi frequentatori, tu giovanissima aiutante. E ci siamo riconosciuti subito, come sempre avviene nelle famiglie che ti scegli e che non ti ritrovi. È stato sufficiente guardarsi negli occhi per capire che condividevamo molto pur essendoci appena conosciuti. Anime simili che si ritrovano nello stesso spazio. È stato con te, è stato negli anni a seguire anche con altri; è probabilmente con tutti quelli che chiamano questo posto casa. Era la primavera del 2002 e da allora abbiamo condiviso una quantità di vita che solo noi sappiamo e che non potrà mai essere raccolta in nessuno scritto. Semplicemente l’amicizia, quel legame che non conosce distanze e non conosce tempi. Era la primavera del 2002 e pensavamo sarebbe stato così per sempre. Per quel sentimento lì c’è sempre e solo un inizio, mai una fine. La fine non è prevista, in amicizia. Poi però arriva un mercoledì di agosto non previsto, arriva un mercoledì di agosto e quel legame così profondo che fino a ieri era parole, confidenze, risate, lacrime, sigarette, vino, nottate e pomeriggi in un attimo diventa dolore, dolore che paralizza e svuota e congela le parole sulle labbra. Ed è per questo motivo che queste riescono ad essere solo poche righe, solo un piccolo saluto per te, Paola, che sei stata per noi così tanto. Il tuo cuore continuerà a battere dentro questo cuore più grande, ciascuno di noi si porterà appresso un pezzetto di te, chi con un ricordo, chi con un miliardo. Queste quattro mura che chiamiamo casa sapranno per sempre di te. Un pezzo della tua storia tu l’hai vissuto qui dentro, insieme a noi, e non esiste tempo, non esiste dolore, che potranno mai cancellarlo, quel pezzo di storia. È negli sguardi, nei sorrisi, negli abbracci, nelle parole che ci siamo scambiati da quella meravigliosa primavera. Anche se ora stai camminando lontano da qui, lontano da casa.

Ciao Paola.

2 Comments

Add a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


uno × = 5