Canapa: la scelta del Comune di Torino

Il 13 gennaio il Comune di Torino ha approvato due ordini del giorno presentati uno da Marco Grimaldi (Consigliere Sel) e l’altro da Silvio Viale (Consigliere radicale, eletto nel PD). Il primo invita il Parlamento a discutere ed emanare un testo di legge che preveda il passaggio da un impianto di tipo proibizionistico a uno di tipo legale della produzione e della distribuzione delle droghe cosiddette “leggere”, il secondo invita la Regione Piemonte a dare il via libera all’utilizzo di farmaci a base di cannabinolo e il Ministero della Salute ad autorizzare la produzione di tali farmaci, che oggi possono solo essere importati. In generale i due ordini del giorno si inseriscono in un processo mondiale di rimessa in discussione delle politiche proibizionistiche e sottolineano la necessità di una revisione della attuale legge Fini-Giovanardi.

Giovedì 30 gennaio, dalle ore 21.00, parleremo di antiproibizionismo, di legalità e legislazione, di ciò che succede nel mondo. Interverranno i primi due firmatari degli ordini del giorno presentati al Comune di Torino, Marco Grimaldi e Silvio Viale, Elisa Bertero di Associazione Cannabis Terapeutica, Cesare Quaglia di Assocanapa, Paola Omodeo Zorini e Giovanni Foresti, attori e attivisti nei movimenti per la legalizzazione della Canapa.

Nel corso della serata, oltre al dibattito, ci saranno proiezioni, musica, interventi teatrali e prodotti alimentari a base di canapa. 

Occasione per chiunque voglia informarsi, ascoltare o esprimere un’opinione.

L’ingresso come al solito è libero ma riservato ai soci Arci.

Vi aspettiamo.

una pianta amica

non può essere reato

 Evento facebook.

Add a Comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ otto = 14